Progettare i bisogni pastorali della comunità

145,00

Analisi, diagnosi, progettazione per avviare e gestire un’impresa pastorale

Questo percorso intende fornire strumenti operativi per consolidare o rinnovare le proprie competenze di analisi e di progettazione: il corso è infatti strutturato in modo da permettere di rilanciare le progettazioni esistenti con una nuova veste oppure di generare percorsi innovativi rispetto ai precedenti.

Disponibile

Prezzo del prodotto
Totale opzioni aggiuntive:
Totale dell'ordine:

Durata:

20 ore, 6 settimane

3-4 ore alla settimana

1 appuntamento settimanale sincrono (meeting, webinar o forum)

1-2 learning object asincroni

Metodologia

Gli studenti verranno coinvolti in un percorso che li guiderà all’appropriazione di strategie e strumenti utili attraverso esercitazioni e case history. Ciascuno potrà lavorare su un vero e proprio modello di progettazione che conterrà tutti i contenuti fondamentali del percorso di studi.

Struttura del percorso

PRIMO MODULO: Prospettive e riflessioni teologico pastorali

Obiettivo generale: Comprendere e orientare le azioni pastorali attraverso la rilettura della propria identità e della propria missione.

Contenuti: Identità, visione e missione, discernimento e criteriologia pastorale.


SECONDO MODULO: Prospettive e riflessioni strategiche

Obiettivo generale: Imparare ad analizzare la realtà per far emergere i bisogni della comunità ed elaborare obiettivi e strategie efficaci.

Contenuti: Strategie e tecniche di analisi della realtà, dei destinatari dell’argomento e delle risorse. Definizione degli obiettivi generali e specifici e delle strategie.


TERZO MODULO: Prospettive e riflessioni di pianificazione pastorale

Obiettivo generale: Acquisire gli strumenti necessari per pianificare gestire e valutare progetti e iniziative pastorali.

Contenuti: Pianificazione delle fasi e delle azioni, time management, gestione delle risorse e strumenti di controllo, monitoraggio e valutazione.

Destinatari

  • Figure chiave di parrocchie e diocesi
  • Educatori, animatori, catechisti
  • Dirigenti e allenatori di società sportive
  • Volontari e laici impegnati nel sociale
  • Religiosi e religiose
  • Organizzazioni profit e no profit